Home / Calcio / Focus sul BiancoArancio: chiarezza su Galfano e big match col Blunda
galfano

Focus sul BiancoArancio: chiarezza su Galfano e big match col Blunda

Ancora una settimana emotivamente tosta in casa BiancoArancio Petrosino, come spesso è accaduto in questa prima stagione dopo la rinascita. Stagione che sta portando soddisfazioni sportive ma anche alcune difficoltà ai bordi del terreno di gioco. Archiviate le dimissioni dell’ex co-tecnico Giuseppe D’Alberti, che è rimasto in squadra con la doppia carica di calciatore (e che calciatore!) e vicepresidente, da un paio di settimane il presidente e allenatore Fabio Casano ha dovuto fare i conti con le dimissioni inaspettate dell’ormai ex presidente onorario Antonio Galfano, che, come spiegato più volte negli ultimi giorni sulle pagine di Fantasticasport, in società non occupava solo una carica simbolica, ma era la persona con i compiti più importanti: colui che faceva da tramite fra la squadra e la politica e l’imprenditoria.
Dopo alcune dichiarazioni abbastanza sibilline, Antonio Galfano ha voluto fare piena luce sulla vicenda, intervenendo personalmente durante la trasmissione “La voce degli ultras” del mercoledì sera di Radio Activity Petrosino del collega Roberto Baiata.
riportiamo quanto emerso dal lungo intervento:
Quando questo progetto è cominciato eravamo un gruppo di amici con l’intenzione di tornare a fare calcio in città e di riempire il Comunale. Il sindaco grazie agli imprenditori vicini ci aveva dato la possibilità di cominciare l’avventura, ma la mia volontà era quella di “camminare da soli”, per far sì che l’avventura avesse una lunga durata, senza usufruire di stampelle esterne. Ci eravamo dati sei mesi di tempo affinché facessimo diventare questa società solida, portando all’interno dei dirigenti capaci di non far mancare nulla a livello economico ai ragazzi. Purtroppo non ci siamo riusciti, io in primis. Non siamo riusciti ad avvicinare nessuno a questo progetto. Io non voglio essere colui che a fine stagione torna dal sindaco a rimettere nelle sue mani la squadra per mancanza di fondi utili per effettuare un’altra stagione agonistica. Se c’è qualcuno che ha voglia di fare calcio a Petrosino si faccia avanti adesso. Io non me la sento di arrivare a giugno e perdere la faccia davanti al Sindaco. L’unica motivazione delle mie dimissioni è questa: la società non è solida. Con questo mio gesto voglio avvisare tutti e fare chiarezza con tutti i petrosileni, con l’amministrazione comunale, col presidente Casano e i dirigenti tutti. Per mesi ho corso tantissimo per accumulare sponsor perché mi ero reso conto che i soldi non bastavano più. Io non voglio fare una brutta figura con chi ha creduto in noi e con gli sponsor che ci hanno aiutato. La gente conosce me e io ci metto la faccia. Se a me qualcosa va male devo avere un punto di appoggio, non posso accollarmi carichi che non posso sostenere. Io penso di aver fatto il bene di questa società da me costruita vent’anni fa. Rimango il primo sostenitore di questa squadra, non me ne sono mai andato e non ho progetti di andare chissà dove, ma tutti andavano messi al corrente della situazione. I “musi lunghi” visti nei miei confronti da alcuni (pochi) petrosileni non sono giustificati. Il campionato in corso in ogni caso verrà terminato, come garantisce il presidente Casano. Io non voglio essere quello che un domani avrà fatto finire il calcio a Petrosino. Anche in Terza Categoria occorre la programmazione, questa è la mia idea, e al momento non possiamo programmare”.

Niente da aggiungere, se non che finalmente la situazione intorno alla squadra giallorossa è limpida e trasparente.
Intanto, domani, domenica 13 marzo alle ore 15:00 arriverà allo Stadio Comunale di Petrosino la capolista Blunda Paceco per la 16a giornata di campionato.
Casano sceglie di convocare tutti, anche gli infortunati Bilardello e Genovese, per far gruppo in un momento così delicato e fondamentale. In difesa, quattro posti per sei difensori: Pellegrino, Isaia, Piccione, Ivan Lombardo, Pipitone e Amato. In mediana va verso la riconferma Giuseppe Lombardo. In avanti, rientrano dalla squalifica Donato e Montalto, il primo sarà impiegato sicuramente, il secondo forse partirà dalla panchina perché in non perfette condizioni fisiche.
A Paceco, nel girone di andata fu 2-1. A segno per i petrosileni D’Alberti, doppietta di Barbata per i pacecoti.
PROGRAMMA 16a GIORNATA E CLASSIFICA:

Terza Categoria – Trapani – Girone Unico

Emanuele Scavuzzo

Culicchia SRL

About redazione

Check Also

Chianetta

“Black Sunday” di Chianetta, solo pareggio per il Marsala

Nel fine settimana più atteso da chi ama gli sconti, la capolista Marsala Calcio fa …