Home / Calcio / Marsala 1912: crediamo ancora agli asini che volano?
Asinochevola

Marsala 1912: crediamo ancora agli asini che volano?

Abbiamo voluto capire quanto forti fossero Vinci e Bonafede per guidare il calcio marsalese ma sembra che sia più facile che gli asini volino che non vedere il Marsala 1912 ripetere la Serie D il prossimo anno. E in queste drammatiche ore per la sorte del Marsala 1912, c’è ancora chi crede che questi animali possano volteggiare su Capo Boeo.

Le ore trascorrono e ne mancano meno di 24 per formalizzare la domanda di ripescaggio in Serie D. Anzi, ancora meno perché i versamenti monetari si dovranno improrogabilmente effettuare non più tardi della mattinata di domani. Il problema è che nessuno voglia o possa far qualcosa. A parte tutta la documentazione, servono i soldi, la moneta, i picciuli per sperare di giocare nuovamente la Serie D. Quanti? esattamente 21.400€ per la domanda di ripescaggio, ossia 19.000€ di iscrizione e 2.600€ per integrare la fideiussione dello scorso anno che è depositata presso la Lega Dilettanti (31.000€ dell’attuale proprietà), e circa 350€ per il Comitato di Palermo per un’attestazione di non avere pendenze economiche.

Dopo che Vinci si è tirato indietro alla fine di un’estenuante partita al rilancio, nelle ultime ore il presidente Bonafede si è incontrato con diversi personaggi ma non è ancora arrivata nessuna buona notizia. Il Comune di Marsala sarebbe disposto a concedere un contributo straordinario (presumibilmente di 25.000€) ma solo a settembre, come se il termine per chiedere l’ammissione in Serie D non scadesse domani. Come Bonafede ha pubblicamente dichiarato recentemente, qualcuno inizialmente a lui vicino ha fatto mancare il suo appoggio e questo ha provocato al presidente più di qualche prurito. Qualcun’altro è partito in vacanza lasciandolo solo. Bonafede è stato altresì avvistato, nel pomeriggio di ieri, anche dalle parti di Luigi Vinci ma sembra al momento che l’imprenditore non abbia risposto positivamente alla richiesta d’aiuto. O almeno, se non alle sue condizioni.

Sono ore drammatiche che potrebbero trasformarsi nell’ultima mortale agonia del Marsala 1912. Chi ha le risorse economiche per far continuare il calcio in questa città si guarda bene dall’aprire i cordoni della borsa aspettando che il morto passi sotto il ponte mentre tutti gli altri aspettano di veder volare gli asini, anzi… gli asineddri. Ma gli asini non voleranno mai.

Peppe Caruso

 

Culicchia SRL

About Peppe Caruso

"Il dilettante è colui che pensa che siano sempre gli altri a sbagliare. Il professionista è colui che riconosce i suoi sbagli e li corregge." Racconto lo sport a modo mio attraverso il web e le radiocronache del Marsala 1912 su Radio Fantastica Marsala 97.5

Check Also

Chianetta

“Black Sunday” di Chianetta, solo pareggio per il Marsala

Nel fine settimana più atteso da chi ama gli sconti, la capolista Marsala Calcio fa …